top of page
SPONSORIZZATE FB.png

SCUOLA: LA RIAPERTURA DELLA SCUOLA RINVIATA NON INCIDE SUI CASI COVID

La dichiarazione di La Foche su un rinvio della riapertura della scuola


In ottemperanza alla situazione attuale, legata alla diffusione del virus Covid-19 e al ritorno a scuola, l’immunologo del Policlinico Umberto I di Roma, Francesco Le Foche, durante un’intervista al Corriere della Sera, ha dichiarato:

“Il virus, replicando nelle prime vie aree, è molto più contagioso, ma arriva meno in profondità e quindi è meno patogenico. Per le persone che hanno ricevuto la terza dose e con un sistema immunitario sano, sviluppa sindromi clinicamente meno aggressive, tranne in casi molto rari”. Ci stiamo avviando al picco di questa ondata entro 2-3 settimane, quindi il rinvio tutto sommato non inciderebbe molto. Insisterei invece sulla necessità di immunizzare anche i bambini fra i 5 e gli 11 anni.



È vero che in questa fascia di età i casi gravi sono pochi e riguardano perlopiù soggetti fragili, però ci sono bambini apparentemente sani che hanno invece una predisposizione a sviluppare una malattia infiammatoria o con fattori di rischio ancora non evidenziabili clinicamente e che andrebbero incontro, in caso di contagio, a una patologia importante. Per questo motivo, per la loro sicurezza, i bambini vanno vaccinati previa giusta sensibilizzazione dei genitori da parte del pediatra di riferimento”.

di CLAUDIO CASTAGNA

contatti: redazione@ascuolaoggi.it - info@ascuolaoggi.it




Comments


bottom of page