top of page
SPONSORIZZATE FB.png

ABILITAZIONE DOCENTI,30 36 E 60 CFU/CFA. ATTESA LA PUBBLICAZIONE IN GU DEL DPCM PER IL 25 SETTEMBRE

Aggiornamento: 26 set 2023

Pubblicato il 25 settembre in Gazzetta Ufficiale il DPCM relativo ai corsi di formazione per abilitazione docenti. Molti i nodi cruciali che...

abilitazione docenti dpcm 25 settembre


Da domani, 25 settembre, secondo diverse indiscrezioni, ogni giorno è utile per la pubblicazione del DPCM relativo all' abilitazione docenti. Molti i nodi cruciali che devono essere sciolti. I docenti del sistema scolastico italiano stanno attendendo con grande trepidazione la pubblicazione del decreto.


Ricordiamo che l’avvio dei corsi di formazione abilitanti per la scuola secondaria è parte della revisione del sistema di reclutamento, una delle 6 riforme previste dal nostro Paese nella Missione 4 Istruzione e Ricerca del PNRR. Il DL 75 del 22 giugno 2023, convertito con la Legge 10 agosto 2023, n. 112, pubblicata il 16 agosto 2023 in Gazzetta Ufficiale, è intervenuto sulla materia.

In merito ai corsi di formazione abilitanti per la scuola secondaria su quali aspetti interviene il DPCM?

Il DPCM interviene su diversi aspetti, che vanno dai contenuti formativi, struttura dell’offerta (60 CFU/CFA), presenza obbligatoria, modalità di svolgimento della prova finale e costi.


Tra i nodi cruciali da sciogliere abbiamo il numero di corsi che verranno attivati

Sulla questione c'è da dire che esiste in Italia una forte esigenza reale di docenti, soprattutto precari, che devono conseguire l'abilitazione per come voluta dal Ministero. Sul tema resta da capire se la ratio del nuovo DPCM è indirizzata a liberalizzare i corsi di abilitazione come è avvento per il percorso 24 CFU oppure deciderà di seguire una logica che ridimensiona il numero di partecipanti ai corsi, come è avvenuto per i percorsi di abilitazione al sostegno TFA ( a numero chiuso e distribuiti territorialmente tra le università a livello nazionale ). L'auspicio soprattutto dei docenti, precari e di chi vuole un'ulteriore abilitazione su altra classe di concorso, è quello di arrivare ad una liberalizzazione dell'abilitazione all'insegnamento per molteplici motivi. In modo da avere nelle classi docenti abilitati all'insegnamento e nel contempo proiettati al passaggio di ruolo. Scelta che ridurrebbe le differenze nord - sud, infatti mentre al sud sarebbero maggiori i posti per la formazione al nord c'è l'esigenza di docenti.


Riassumiamo le novità

Quali tipologie di corsi verranno attivati:

  1. Percorsi formativi in ingresso abilitanti da 60 CFU, che andranno a regime dal 2025, poiché da quell’anno l’abilitazione sarà titolo di accesso ai concorsi

  2. Percorsi formativi transitori abilitanti da 30 CFU, per docenti già in possesso di abilitazione su altra classe di concorso o altro grado di istruzione o per docenti specializzati su sostegno

  3. Percorsi formativi transitori abilitanti da 30 CFU per docenti con tre anni di servizio presso le scuole statali o paritarie, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso e per coloro che hanno sostenuto la prova concorsuale del concorso “straordinario bis”.

  4. Percorsi formativi transitori da 30 CFU, per i neo-laureati o per coloro che non hanno acquisito i 24 CFU entro il 31 ottobre 2022, utili per accedere ai concorsi fino a fine 2024, con ulteriori crediti da integrare in caso si risulti vincitori di concorso

  5. Percorsi formativi post-concorso da 30 o 36 CFU/CFA, per coloro che partecipano ai concorsi senza essere già abilitati

1. Corsi abilitanti da 60 CFU: organizzazione e accesso

Titolo di accesso: è quello che consente di insegnare una disciplina in una classe di concorso della scuola secondaria secondo la normativa vigente (qui la nostra app per la verifica dei titoli di accesso). Inoltre possono accedere ai corsi coloro che sono regolarmente iscritti a corsi di studio per il conseguimento dei medesimi titoli che danno accesso all’insegnamento. Per coloro che sono iscritti a corsi di studio per il conseguimento della laurea magistrale a ciclo unico l’accesso è subordinato all’acquisizione di 180 CFU. I CFU/CFA da acquisire sono aggiuntivi rispetto a quelli del percorso universitario. Riserva di posti: la norma prevede per i primi tre cicli dei percorsi universitari e accademici di formazione iniziale una riserva di posti per le seguenti categorie:

  • coloro che hanno svolto servizio presso le istituzioni scolastiche statali o presso le scuole paritarie per almeno tre anni, anche non continuativi, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso per la quale scelgono di conseguire l’abilitazione, nei cinque anni precedenti

  • coloro che hanno sostenuto la prova concorsuale relativa alla procedura straordinaria di cui all’articolo 59, comma 9-bis, del decreto-legge 73/21

  • i titolari di contratti di docenza nell’ambito di percorsi di istruzione e formazione professionale delle regioni

Focus ITP: fino al 31 dicembre 2024 i diplomi che danno accesso alle classi di concorso per Insegnanti tecnico pratici (ITP) rimangono validi ai fini della partecipazione ai concorsi (i medesimi titoli, entro i medesimi termini, saranno quindi validi anche ai fini dell’accesso ai corsi abilitanti).


Organizzazione corsi: per gli anni accademici 2023/2024 e 2024/2025 i percorsi di formazione iniziale possono essere svolti, a esclusione delle attività di tirocinio e di laboratorio, con modalità telematiche, comunque sincrone in misura non superiore al 50 per cento del totale.

Struttura del percorso: è prevista l’acquisizione di almeno 10 CFU/CFA di area pedagogica, e inoltre attività di tirocinio diretto e indiretto non inferiore a 20 CFU/CFA. Per ogni CFU/CFA di tirocinio, l’impegno in presenza nelle classi non può essere inferiore a 12 ore.

Prova finale: consiste in una prova scritta e in una lezione simulata. La prova scritta prevede una sintetica analisi critica di episodi, casi, situazioni e problematiche verificatisi durante il tirocinio diretto e indiretto svolto nel percorso. La lezione simulata richiede la progettazione, anche mediante tecnologie digitali multimediali, di un’attività didattica innovativa, comprensiva dell’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche compiute in riferimento al percorso di formazione iniziale relativo alla specifica classe di concorso

2. Percorsi formativi transitori abilitanti da 30 CFU per docenti abilitati su altro grado/classe di concorso oppure specializzati sostegno

I docenti già in possesso di abilitazione su altra classe di concorso o altro grado di istruzione o di specializzazione su sostegno, fermo restando il possesso del titolo di studio necessario con riferimento alla classe di concorso, possono conseguire l’abilitazione in altre classi di concorso o in altri gradi di istruzione attraverso l’acquisizione di 30 CFU/CFA del percorso universitario e accademico di formazione Iniziale. I contenuti della formazione riguardano l’ambito delle metodologie e tecnologie didattiche applicate alla disciplina di riferimento. I percorsi possono essere svolti anche mediante modalità telematiche sincrone, esclusivamente presso i Centri che organizzano e impartiscono percorsi accreditati per la formazione abilitante.

3. Percorsi formativi transitori abilitanti da 30 CFU

I docenti che abbiano maturato tre anni di servizio negli ultimi cinque presso le scuole statali o paritarie, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso e coloro che hanno sostenuto la prova concorsuale del concorso “straordinario bis” potranno conseguire l’abilitazione con corsi da 30 CFU/CFA.

4. Percorsi formativi transitori da 30 CFU per i neo-laureati o per coloro che non hanno acquisito i 24 CFU entro il 31 ottobre 2022

Sono utili per accedere ai concorsi banditi fino a fine 2024, in caso si vinca il concorso sono previsti percorsi pari a 30 CFU/CFA da integrare dopo il concorso. Sono rivolti a quei laureati che non hanno acquisito i 24 CFU/CFA entro il 31 ottobre 2022 e che quindi, per poter partecipare ai prossimi concorsi, devono acquisire i 30 crediti formativi. Nell’ambito dei 30 CFU/CFA è prevista l’acquisizione di competenze pedagogiche, didattiche e metodologiche e lo svolgimento di attività di tirocinio diretto.

5. Percorsi formativi da 30 o 36 CFU/CFA per i vincitori di concorso che hanno partecipato senza essere già abilitati

Questi corsi saranno attivati per coloro che partecipano ai prossimi concorsi senza essere già in possesso di abilitazione. Parliamo quindi

  • di docenti che partecipano con il titolo di accesso + 3 anni di servizio negli ultimi 5 nella scuola statale, di cui uno sulla classe di concorso specifica;

  • di coloro che partecipano con il titolo di accesso + 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022;

  • di coloro che partecipano con il titolo di accesso + 30 CFU/CFA

Formazione iniziale docenti nella provincia di Bolzano

Nella provincia autonoma di Bolzano, la formazione iniziale dei docenti della scuola secondaria potrà avvenire anche mediante percorsi formativi abilitanti disciplinati e istituiti dalla giunta provinciale.




di ISABELLA CASTAGNA


contatti: redazione@ascuolaoggi.it - info@ascuolaoggi.it


SCARICA ORA L'APP DI ASCUOLAOGGI


SCARICA L'APP ASCUOLAOGGI PER APPLE

SCARICA L'APP ASCUOLAOGGI PER ANDROID

Comments


bottom of page