top of page
SPONSORIZZATE FB.png

ANIEF, 300EURO IN PIÙ NETTI PER DOCENTI E ATA PER ALLINEARE GLI STIPENDI ALLA MEDIA EUROPEA

Pacifico: Al personale della scuola, a tutti i docenti ma anche agli Ata, mancano in busta paga 300 euro netti al mese: sono quelli che servirebbero per allineare le loro buste paga alla media europee e a spazzare gli effetti del caro vita



“Differenziare gli stipendi dei docenti in base alle Regioni dove la vita è più cara non è corretto, perché sarebbe uno smacco nei confronti di quelli che insegnano in condizioni altamente difficili in altre zone d’Italia. Quello che si può fare, invece, è introdurre delle indennità dovute alle trasferte, alle difficoltà del territorio, al grado di dispersione, alla presenza di alunni stranieri e con limiti di apprendimento”: a sostenerlo è Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, commentando l’ordine del giorno approvato dal Governo che impegna a riproporre le “gabbie salariali” per il pubblico impiego, a partire dagli insegnanti.



“L’operazione verità a cui rispondere – continua Pacifico – è quello di incrementare lo stipendio base per tutti in modo indistinto, andando subito a coprire con l’indennità di vacanza contrattuale piena l’aumento dell’inflazione di oltre il 15% in soli due anni. Al personale della scuola, a tutti i docenti ma anche agli Ata, mancano in busta paga 300 euro netti al mese: sono quelli che servirebbero per allineare le loro buste paga alla media europee e a spazzare gli effetti del caro vita. Per questi motivi ci stiamo rivolgendo al giudice, al fine di recuperare per intero l’indennità di vacanza contrattuale al 50% del tasso di inflazione programmata ‘vera’, con risarcimenti che arrivano a 4.000 euro a lavoratore”.



“Gli aumenti programmati per questo mese - conclude il sindacalista Anief - sono bene accetti, ma insufficienti. E fanno ben sperare i tanti esiti positivi prodotti dai giudici negli ultimi tempi con la Carta del docente ( aderisci al ricorso ), la ricostruzione della carriera, le ferie non godute  e gli scatti stipendiali.



Tutti diritti che andrebbero assicurati a tutti i lavoratori della scuola da parte di chi la governa. Pensare di risolverli con un’operazione di incremento indistinto a livello regionale, che sembra il proseguimento dell’autonomia differenziata, non ci può trovare d’accordo”.



di LA REDAZIONE


contatti: redazione@ascuolaoggi.it - info@ascuolaoggi.it


SCARICA ORA L'APP DI ASCUOLAOGGI


SCARICA L'APP ASCUOLAOGGI PER APPLE

SCARICA L'APP ASCUOLAOGGI PER ANDROID