top of page
SPONSORIZZATE FB

Presentate le liste per le elezioni del CSPI. Partono le Assemblee per la presentazione dei candidati e del programma Anief. Pacifico “Ecco perché è importante andare a votare”

Anief:"Nel 2018, il CPSI pubblicò il parere autonomo sull’alternanza scuola lavoro con lo scopo di indagare i punti di..."




“Ci vuole il parere di esperti, studiosi critici, docenti e Ata della scuola. Troppi pareri favorevoli negli ultimi 8 anni, avrebbero potuto far cambiare gli atti normativi”. L'ultimo Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione da quando è stato costituito (2015) ha pubblicato 163 pareri. Di questi 137 favorevoli (molti con riserva, a condizione dell’accoglimento delle osservazioni), 14 negativi, gli altri interlocutori o addirittura pareri autonomi, su argomenti di interesse scolastico, senza per forza dover analizzare un decreto o un’ordinanza ministeriale. Nel 2018, il CPSI pubblicò il parere autonomo sull’alternanza scuola lavoro con lo scopo di indagare i punti di interesse e di criticità della L.107/2015 per quanto riguarda l’ASL, anche con riferimento alle esperienze pregresse e di verificare l’adeguatezza della sua attuale impostazione rispetto alle finalità generali dell’Istruzione.


Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “si trattava di un parere, come si evince dal testo, soltanto parzialmente critico sulla buona scuola pressoché condivisa dagli allora delegati. Anief aveva sottolineato durante le audizioni parlamentari diversi altri aspetti negativi da evidenziare. Ad esempio, l’applicazione dello statuto dei diritti e doveri degli studenti, i quali continuano troppo spesso in azienda a essere sfruttati o a perdere tempo. Infine, la mancanza di fondi adeguati la dice lunga sulla portata del progetto. Sono questi gli aspetti su cui bisognava soffermarsi, non sulla quantità delle ore”.



Nel 2019, considerata anche l’eco mediatica degli episodi di violenza che hanno riguardato e riguardano le scuole, con l’aggressione di docenti da parte di genitori e alunni, il CSPI pubblicò su Rapporto fra Scuola/Famiglia/Società senza segnare i veri problemi subiti dal personale scolastico. “Allora il CSPI ritenne opportuna una riflessione sulla trasformazione che sta subendo il compito educativo della scuola nella percezione collettiva ma senza soluzioni precise e praticabili. Il nostro sindacato - ricorda Pacifico - ha sempre evidenziato che oggi c’è un rapporto di sfiducia tra famiglie e chi interpreta, per nome dello Stato, l’educazione dei propri figli. Per questo è fondamentale mettere in campo degli strumenti che possano valorizzare il lavoro dell’insegnante”.



“Con la mia candidatura per la componente del personale docente della scuola secondaria di primo grado - conclude Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief - ho voluto lanciare un segnale, evidenziando l'importanza del voto, mettendoci impegno e faccia. Il presidente uscente è l'ex segretario del primo sindacato italiano e per questo vogliamo come #Anief dare il nostro contributo”. Ma il primo obiettivo di queste elezioni, dopo tre anni di rinvio, è informare e convincere le lavoratrici e i lavoratori della scuola dell'importanza del voto per il rinnovo di questo importante organo istituzionale, considerato che alle ultime elezioni ha votato il 50% degli aventi diritto. Nei prossimi giorni continueremo l’analisi sui pareri espressi per informare durante le assemblee su quello che è stato fatto, ma soprattutto su quello che potranno fare i candidati eletti nelle liste Anief Democrazia, responsabilità e partecipazione”.



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE












di LA REDAZIONE

Commentaires


bottom of page