top of page
SPONSORIZZATE FB

SUL DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO È POLEMICA, MONTA LA CRITICA DI SINDACATI E OPPOSIZIONE POLITICA

Aggiornamento: 23 lug 2023

Ad attaccare il ministro Valditara sul dimensionamento scolastico la Flc-Cgil, PD e non solo


DIMENSIONAMENTO

Il ministro Valditara sulla questione del dimensionamento scolastico è stato attaccato dalla Flc-Cgil, PD e non solo.

Irene Manzi, responsabile scuola del PD, dichiara: “Questo è il governo che si prende meriti che non sono suoi e scarica le responsabilità delle conseguenze delle proprie scelte sugli altri. Anche questa volta il Ministro Valditara scarica le colpe del dimensionamento scolastico sul Pd e sul Piano Nazionale di ripresa e Resilienza”. A sentire Valditara e il Ministero stesso – ironizza Manzi – siamo di fronte non ad un piano “taglia scuola” ma ad un “fantomatico piano salva scuola”. Manzi poi aggiunge: “C’è da rimanere di stucco nel metodo e nel merito. Nel metodo una fonte del ministero addossa le colpe e gli effetti del dimensionamento al Pd ed al predecessore di Valditara, cercando nuovamente responsabili su cui scaricare le conseguenze delle scelte sbagliate adottate dall’attuale Governo. Nel merito, si omette di dire che l’obiettivo di PNRR non era stato definito con parametri così drastici e penalizzanti, ispirati più a esigenze di ‘risparmio’ che di reale risposta alle conseguenze della denatalità e della diminuzione del numero di alunni nei prossimi anni”. “Proprio per questo motivo – prosegue ancora Manzi – sin dalla legge di bilancio e poi ancora nei provvedimenti successivi, come Pd abbiamo presentato emendamenti che modificavano i requisiti inaccettabili imposti da Valditara, invitando al dialogo ed al confronto”. “La verità è una soltanto, purtroppo, ed è inevitabile che si affronti. Il dimensionamento è stato previsto dalla legge di bilancio del governo Meloni; nel prossimo triennio verrà ridotto l’8,8% delle sedi esistenti; ci saranno pesanti perdite di organico tra il personale Ata con un aumento della complessità organizzativa; le aree più fragili, a partire da quelle interne e dal Mezzogiorno, saranno ulteriormente penalizzate”, conclude la deputata del PD.


A dire la sua Gianna Fracassi, segretaria generale di Flc-Cgil: “Il nostro sindacato è determinato ad usare tutti gli strumenti, inclusa l’impugnativa legale, per contrastare un disegno che impoverisce la scuola italiana, prevedendo la perdita del 9% dei plessi esistenti, e che va assolutamente fermato”. Si tratta di una dichiarazione pesante e imprecisa in quanto con il dimensionamento non chiuderanno plessi scolastici, ma ci sarà la perdita di autonomia delle istituzioni scolastiche con meno alunni. Dunque si perderà un certo numero di “presidenze”, la perdita sarà particolarmente evidente in alcune regioni dove in passato sono rimasti attivi istituti scolastici anche con numeri inferiori a quelli previsti dalla normativa, mentre in altre regioni, il piano previsto dal Ministero non dovrebbe avere conseguenze pesanti.





di ISABELLA CASTAGNA


contatti: redazione@ascuolaoggi.it - info@ascuolaoggi.it


SCARICA ORA L'APP DI ASCUOLAOGGI


SCARICA L'APP ASCUOLAOGGI PER APPLE

SCARICA L'APP ASCUOLAOGGI PER ANDROID

コメント


bottom of page