top of page
SPONSORIZZATE FB

INPS, PUBBLICATI I DATI DELL'OSSERVATORIO SULLE PENSIONI DECORRENTI NEL 2022 E NEL 2023

Sul sito Inps è stato pubblicato l’Osservatorio di monitoraggio dei flussi di pensionamento con i dati sulle pensioni decorrenti nel 2022 e nel 2023



È stato pubblicato l’Osservatorio di monitoraggio dei flussi di pensionamento, con i dati sulle pensioni decorrenti nel 2022 e nel 2023.

Il monitoraggio riguarda i trattamenti liquidati dalle seguenti gestioni:

  • Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (FPLD);

  • coltivatori diretti, mezzadri e coloni;

  • artigiani e commercianti;

  • Gestione Dipendenti Pubblici (GDP);

  • lavoratori parasubordinati;

  • assegni sociali.


Per quanto riguarda i requisiti d’accesso alla pensione di vecchiaia, nel 2022 e nel 2023 l’età minima di accesso è di 67 anni, per entrambi i sessi e per i settori lavorativi dipendenti sia privati che autonomi. Per accedere alla pensione anticipata, l’età necessaria nel biennio è stata di 41 anni e 10 mesi di anzianità contributiva per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini, indipendentemente dall'età. Ulteriori possibilità di uscita anticipata dal lavoro sono state Quota 102, Quota 103, Opzione donna, prorogata con requisiti più stringenti anche nel 2023, i canali di uscita più favorevoli per i lavoratori precoci, per gli addetti a mansioni gravose e per chi svolge lavori usuranti.



In tutte le gestioni, a eccezione degli assegni sociali, si registra un numero più basso di liquidazioni di pensioni nel 2023 rispetto al 2022. Dalle statistiche si osserva che:

  • il rapporto tra le pensioni di invalidità e quelle di vecchiaia nel 2023 è diminuito di tre punti percentuali rispetto al 2022, risultando pari al 22%;

  • le pensioni anticipate, rispetto a quelle di vecchiaia, per il totale delle gestioni risultano più basse nel 2023 rispetto all'anno precedente, scendendo al 5% in più rispetto a quelle di vecchiaia;

  • la percentuale delle pensioni femminili su quelle maschili presenta nel 2023 un valore inferiore a quello del 2022, attestandosi al 119% (contro il 127% del 2022);

  • a livello territoriale il peso percentuale delle pensioni liquidate a residenti nel Nord Italia resta costante (48% nel 2022 e 49% nel 2023).



LEGGI ANCHE I SEGUENTI ARTICOLI












di VALENTINA ZIN


contatti: redazione@ascuolaoggi.it - info@ascuolaoggi.it


SCARICA ORA L'APP DI ASCUOLAOGGI


SCARICA L'APP ASCUOLAOGGI PER APPLE

SCARICA L'APP ASCUOLAOGGI PER ANDROID

Comentarios


bottom of page