top of page

IL MINISTRO VALDITARA SPIEGA QUAL È LA SCUOLA DEL MERITO

Il ministro era presente all’ inaugurazione del nuovo auditorium del Liceo Classico “Ugo Foscolo” di Pavia


In occasione dell’ inaugurazione del nuovo auditorium del Liceo Classico “Ugo Foscolo”a Pavia, è intervenuto il ministro dell’ Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, che ha dichiarato: "Dobbiamo rovesciare l'impostazione della riforma Gentile, che a quell'epoca fu molto importante e venne condivisa anche da Benedetto Croce.

Oggi dobbiamo pensare a una riforma che metta al centro i talenti di ciascun ragazzo".


Il ministro ha poi sottolineato: "Contrariamente a quanto qualcuno pensa, senza aver ascoltato adeguatamente le mie parole, il merito non è una sfida elitaria: non significa privilegiare pochi a danno di molti. Il merito è una sfida ampiamente democratica, perché vuol dire valorizzare i talenti di ciascuno e non lasciare indietro nessuno. Sono profondamente convinto che in ogni ragazzo vi sia un modello di intelligenza".



Infine, ha concluso: "La nostra Costituzione ribadisce in ogni punto la centralità della persona umana, uno dei suoi aspetti più significativi di rottura con il passato: ogni persona si colloca al di sopra dello Stato, che ne diventa servitore. I nostri padri costituenti, e penso in particolare a Giorgio La Pira, hanno dichiarato e messo per iscritto che prima arriva la persona e poi lo Stato, contrariamente a ciò che accadeva nella dittatura fascista ed anche in altre dittature, come per esempio quella comunista. Questo 'rovesciamento' può toccare anche la scuola mettendo al centro i talenti di ciascun ragazzo".


Il ministro, accompagnato dalla dirigente scolastica Silvana Fossati, ha risposto alle domande poste dagli studenti dell'istituto Taramelli-Foscolo e per ultimo ha visitato entrambe le scuole.


Nonostante l’ intervento di Valditara, alcuni studenti, all’ esterno della scuola, hanno protestato contro il ministro e contro la scuola del merito.



di ISABELLA CASTAGNA


contatti: redazione@ascuolaoggi.it - info@ascuolaoggi.it


SCARICA ORA L'APP DI ASCUOLAOGGI




Comments


bottom of page