top of page
SPONSORIZZATE FB.png

CARTA DEL DOCENTE A PRECARI, ALTRA SENTENZA FAVOREVOLE.1500EURO A DOCENTE CON ANNUALITÀ AL 30 GIUGNO

Un’altra sentenza, l’ennesima, sulla Carta del docente da estendere ai 200mila insegnanti precari della scuola pubblica: a produrla stavolta è stato il Tribunale di Cosenza, sezione Controversie del lavoro



Un’altra sentenza, l’ennesima, sulla Carta del docente da estendere ai 200mila insegnanti precari della scuola pubblica: a produrla stavolta è stato il Tribunale di Cosenza, sezione Controversie del lavoro, che nell’esaminare il ricorso predisposto dai legali Anief ha dato ragione ad un’insegnante, supplente tra il 2019 e il 2022 “con incarichi fino al termine delle attività didattiche (30 giugno)”, che in considerazione delle tre annualità svolte ha ricevuto i 1.500 euro del bonus per la formazione e l’aggiornamento professionale.

Nella sentenza, emessa una settimana fa, il giudice del lavoro ha ricordato che la Corte di Cassazione un mese e mezzo fa ha sentenziato che “la Carta Docente di cui alla L. 107 del 2015, art. 1, comma 121, spetta ai docenti non di ruolo che ricevano incarichi annuali fino al 31.8, ai sensi della L. n. 124 del 1999, art. 4, comma 1, o incarichi per docenza fino al termine delle attività di didattiche, ovverosia fino al 30.6, ai sensi della L. n. 124 del 1999, art. 4, comma 2, senza che rilevi l'omessa presentazione, a suo tempo, di una domanda in tal senso diretta al Ministero”. Pertanto, il Ministero dell’Istruzione e del Merito “va condannato all’adozione delle attività necessarie a consentire alla parte ricorrente il pieno di godimento del beneficio medesimo”.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, torna a ripetere che “se anche la Suprema Corte di Cassazione a fine ottobre scorso ha deciso che la Carta del docente va data sia agli 80mila insegnanti con supplenza fino al 31 agosto 2024, sia agli altri 120mila che hanno sottoscritto contratti con scadenza 30 giugno, come si può ancora pensare che la norma che li esclude sia corretta? Questa espressione si somma, tra l’altro con l’Ordinanza della Corte Giustizia europea (sez. VI del 18 maggio 2022, n. 450), che ha ribadito la necessità di applicare ai precari il “principio di non discriminazione”, ma anche con l’importante sentenza della Sezione VII del Consiglio di Stato, con la sentenza n. 1842, che nel 2022 ha detto che occorre ‘far sì che sia tutto il personale docente (e non certo esclusivamente quello di ruolo) a poter conseguire un livello adeguato di aggiornamento professionale e di formazione, affinché sia garantita la qualità dell’insegnamento complessivo fornito agli studenti’.

A questo punto – conclude Pacifico – tutti i precari annuali o con almeno 5-6 mesi di supplenze che nell’attuale anno scolastico e in quelli passati si sono visti negare la Carta del docente, pari a 500 euro annui, non devono fare altro che presentare ricorso gratuito con Anief”.





di LA REDAZIONE


contatti: redazione@ascuolaoggi.it - info@ascuolaoggi.it


SCARICA ORA L'APP DI ASCUOLAOGGI


SCARICA L'APP ASCUOLAOGGI PER APPLE

SCARICA L'APP ASCUOLAOGGI PER ANDROID

bottom of page